Thinking shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!: Voglio essere uno spazzacamino

shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!

イタリア人 > 男性> 三十歳 > 日本語の学生 > 空港のセキュリティーの仕事 > 飛行機の操縦士 > 空想家 > 日本映画の大ファン > その他 Italiano >Maschio >Bianco >30 anni >studente di giapponese >addetto alla sicurezza aeroportuale >pilota di aerei >sognatore >appassionato di cinema giapponese >continuerei ma non c'è spazio >sono alla continua ricerca di qualcosa che non trovo<

Thursday, December 28, 2006

Voglio essere uno spazzacamino

Molti anni fa, quando coi miei facevo il campeggio di agosto a Cala Sinzias, una sera andammo al cinema a vedere un film, si intitolava Mary Poppins. Il titolo mi suonava come idiota tanto che a malavoglia fui convinto ad andare a quello che era un improvvisato cinema all'aperto, in uno spiazzo antistante il bar del campeggio, con il soffitto di stelle di una notte estiva. Ricordo ancora la felpa colorata che usava mia madre, la solita freddolosa anche con temperature impossibili. Il film mi aveva colpito tantissimo, una storia molto particolare e inquietante: si, perchè vedere quella che mi sembrava una bacucca scendere dal cielo con quei piedi ad angolo appesa ad uno sgangherato ombrello mi metteva paura, chissà se veniva a casa mia, e poi i banchieri padroni del sig. Banks, e la vecchietta che dava da mangiare agli uccellini della cattedrale di Londra mi metteva una paura folle, come in un film dell'orrore, ma forse mi metteva più paura la miseria in cui versava la povera sventurata, coi suoi abiti lerci e strappati. Mi colpì, ma non quanto mi colpì ogni volta che lo guardai successivamente, sempre più consapevole di ciò che significa in questo mondo lanciare coraggiosi messaggi di puro e scintillante buonismo non retorico. La bacucca che scendeva con l'ombrello, Mary Poppins era interpretata da una bellissima Julie Andrews, che allora aveva 28 anni, la mia età!! Il campione onnipresente accanto a lei era Dick Van Dyke, ballerino provetto e all'età di 39 anni già sposato e con figli, che interpreta anche il banchiere decano, insegnando a Eddie Murphy come un attore possa essere polivalente persino in uno stesso film. La storia parla di una magica tata che scende sulla terra ogni volta che dei bambini sono carenti di affetto, ed è la volta dei ragazzi Banks, Jane e Michael, che pestiferi hanno messo in crisi ogni governante presentataglisi. L'austero padre, George Banks interpretato da David Tomlinson, indice delle audizioni per cercare una governante che possa finalmente mettere pace in casa e tenere a bada i bambini. Dozzine di referenziate donne si presentano alla porta della benestante famiglia in cerca in un impiego, quando una folata di vento dell'est le spazza via come fuscelli, dal cielo arriva allora Mary Poppins, che scende proprio nel gradino antistante la casa e si presenta come unica candidata. La tata viene assunta, e scombussolerà la vita della famiglia portando una ventata di magia mista a buonsenso soprattutto al signor Banks, la vita del quale alla dipartita della Tata non sarà più la stessa. La permanenza di Mary Poppins nella casa porterà i bambini a scoprire la magia in ogni piccola cosa, la carità per i bisognosi, il male del troppo attaccamento ai beni terreni e l'importanza di stimare i genitori per gli sforzi che fanno per noi, siano loro apparentemente severi con noi. Il film, ambientato in un fumoso fine ottocento in un irreale quartiere bene di Londra, parla per metafore, insegnando ai bambini che anche il più insignificante disegno su un marciapiede o un aquilone possono diventare fonte di sfrenato divertimento, bastano la fantasia e l'allegria. Un insegnamento che potrebbe essere importante anche per le nuove generazioni, nonostante il lungometraggio sia stato girato nel 1964. Attualissima la decadenza del sistema bancario e l'ingorda cupidigia dei banchieri, pronti a tutto pur di spennare il povero risparmiatore. Il momento più bello comunque rimane il sogno dei tetti di Londra, dove vivono gli spazzacamini, come dei semidei tra cielo e terra, a godere di un panorama che solo il cielo, le stelle, e gli spazzacamini possono vedere. Il ballo di Dick Van Dyke e del suo seguito è fantastico e siceramente anche io quando guardo questo film vorrei essere uno di loro, volteggiare agile e spensierato tra i tetti, incurante della fuliggine, per incontrare un angelo come Mary Poppins a rallegrare ed illuminare la mia vita. Le coreografie sono fantastiche, e a coronare il tutto c'è il doppiaggio in Italiano, fantastico, con lo splendido riarrangiamento di tutte le canzoni, cantate tra gli altri anche da Oreste Lionello, doppiatore di Dick Van Dyke. Terrei moltissimo a citare tutti gli attori e cantanti Italiani che parteciparono ai lavori di localizzazione questo film:


-MARY POPPINS (Julie Andrews): MARIA PIA DI MEO (voce); TINA CENTI (canto)
-BERT / MR. DAWES PADRE (Dick Van Dyke): ORESTE LIONELLO
-GEORGE BANKS (David Tomlinson): GIUSEPPE RINALDI
-WINIFRED BANKS (Glynis Johns): ROSETTA CALAVETTA
-JANE BANKS (Karen Dotrice): LILIANA SORRENTINO
-MICHAEL BANKS (Matthew Garber): SANDRO ACERBO
-ZIO ALBERT (Ed Wynn): BRUNO PERSA
-TATA KETTY (Elsa Lanchester): RENATA MARINI
-ELLEN, LA CAMERIERA (Hermione Baddeley): DHIA CRISTIANI
-AMMIRAGLIO BOOM (Reginald Owen): GIORGIO CAPECCHI
-MR. DAWES FIGLIO (Arthur Malet): LAURO GAZZOLO
-VECCHIETTA DEI PICCIONI (Jane Darwell): WANDA TETTONI
-CUOCA (Reta Shaw): LIDIA SIMONESCHI
-A.G. JONES (Arthur Treacher): ARTURO DOMINICI
-VOLPE (voce): GIANFRANCO BELLINI
-MANICO D'OMBRELLO (voce): LUIGI PAVESE

Un film per tutte le età che il tempo non ha saputo scalfire e che per me non morirà mai nell'oblio.
Io amo Mary Poppins e vorrei essere libero e spensierato come Bert.


Mary Poppins, USA, 1964
Regia: Robert Stevenson

4 Comments:

  • At 12:40, Blogger Vale said…

    penso che sia uno di quei film che è rimasto e rimarra nel ricordo un po' di tutti!!!

     
  • At 13:04, Blogger Walker Elmas Ranger said…

    yeah Vale!

     
  • At 17:42, Blogger Accakappa said…

    datosi che è il film preferito della mia metà, ogni volta che lei si sente un po' triste lo riguardiamo (ma io non sono da meno, visto che ogni Natale mi guardo "La vita è Meravigliosa" di F.Capra). Però mi succede una cosa: lo guardo sempre volentieri, e comunque mi scopro sempre, più o meno a metà film, col sorriso sulle labbra. Chissà con cosa li facevano i film, una volta...
    Ciao e buon 2007!

     
  • At 21:53, Blogger Walker Elmas Ranger said…

    accakappa è un onore riceverti qui! Si i film di una volta avevano un non so che di magico, soprattutto quelli di Disney, ciofeche come "Pomi d'ottone e Manici di scopa" con una relativamente giovane Angela Lansbury: forse perchè li abbiamo visti per la prima volta con gli occhi della nostra passata puerizia, e rivederli risveglia per un attimo in noi quella magia!

     

Post a Comment

<< Home