Thinking shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!: sera del 29 gennaio: Tokyo; Toyama

shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!

イタリア人 > 男性> 三十歳 > 日本語の学生 > 空港のセキュリティーの仕事 > 飛行機の操縦士 > 空想家 > 日本映画の大ファン > その他 Italiano >Maschio >Bianco >30 anni >studente di giapponese >addetto alla sicurezza aeroportuale >pilota di aerei >sognatore >appassionato di cinema giapponese >continuerei ma non c'è spazio >sono alla continua ricerca di qualcosa che non trovo<

Monday, January 29, 2007

sera del 29 gennaio: Tokyo; Toyama

Svegliato in ritardo a causa di un letto troppo comodo ho lasciato il Park Hyatt senza un vero e proprio addio, ma con un fiducioso arrivederci. L'airport Limousine (un normalissimo autobus di linea a dispetto del nome) partiva alle 11:50 per Haneda, io mi sono preparato, ho fatto la doccia con getti incredibili da ogni dove in box trasparente con panorama, mi sono asciugato con calma in super accapatoio pesante tre quintali ma morbidissimo ed erano già le 11:30, ho raccattato armi e bagagli e mi sono fiondato al piano 41 per il check out. All'uscita dell'ascensore il facchino mi si è fiondato addosso per prendere la valigia, mi ha accompagnato al banco check-out dove ho pagato il bus (1200 yen) con carta di credito, poi lo stesso facchino ha avvisato il bus di aspettare, mi ha accompagnato all'uscita dove un elegantissimo portiere mi ha dato il mio biglietto per il bus, e un'etichetta che ha attaccato alla borsa, per riconoscerla dalle altre nella stiva del pullman. Con grandi inchini mi hanno salutato caricando loro stessi la mia pesantissima valigia sul bus, e mi hanno affidato all'autista che con un inchino ancora più grande mi ha fatto entrare a bordo. Abbiamo preso un'autostrada che attraversa Tokyo, completamente soprelevata, siamo arrivati in mezz'ora ad Haneda passando per il Raimbow Bridge, per Odaiba e lungo il tunnel sottomarino fino alla penisoletta artificiale dell'aeroporto, che è bellissimo, modernissimo, stupefacente. Unica nota stonata, una stucchevole musica classica a tutto volume diffusa in tutto il complesso. Abbiamo mangiato il Tonkatsu in uno dei ristoranti dell'aeroporto, e superati dei razionalissimi e veloci controlli di sicurezza (sono dei grandi i giapponesi, dovremo avere anche noi la loro organizzazione!) siamo entrati ai gate dove mi aspettavano due sorprese: un Boeing 747-400 senza winglets della ANA in colorazione pokemon (vedi foto) e l'aereo che dovevamo prendere, pensate che era un Boeing 767-300ER, qualsiasi addetto ai lavori si stupirebbe a sentire questo perchè in tutto il mondo tale aeromobile si utilizza per voli intercontinentali, qui invece per un volo di 45 minuti verso un aeroporto sovente chiuso per neve e con una pista relativamente piccola, a testimoniare la imponente densità di traffico dei voli locali giapponesi (Haneda è grande quasi quanto fiumicino e si utilizza solo per i voli nazionali giapponesi: ANA e JAL si spartiscono le tratte utilizzando dei rarissimi B747-400 in configurazione all economy senza winglets alle ali, poi 777 e 767 come il nostro, incredibile.

Decollati da Haneda in orario, ho sperimentato le procedure antirumore giapponesi, con una corsa di decollo cortissima, una salita alla massima pendenza e una spirale a salire per prendere quota, benissimo! In rotta si vedeva il monte Fuji (vedi foto). Atterrato a Toyama, c'era il sole e 9 gradi al suolo, la pista è pitturata di giallo per la neve incredibile, come in Norvegia! Ci è venuto a prendere il fratello "montagna" di Noriko, perchè è enorme, si chiama Katsuhiro. Visto poi Honda NSX in una concessionaria, cose incredibili. Arrivati poi in albergo, "Comfort Hotel Toyama", piano 9 stanza 902, collegamento internet tramite stazione LAN, forse più piccola di quella di Kamata ma più razionale, ma nulla in confronto al sogno del Park Hyatt! Vabbè! Alla fine siamo arrivati a casa Watanabe.

Ed eccola in tutto il suo splendore, una bella casetta tutta tradizionale con arredi incredibili, scale incredibili con fantasmi giapponesi compresi e giardinetto zen, con patio tipo The Taste Of Tea per crogiolarsi al caldo estivo.

Famiglia Watanabe, da sinistra l'intruso Satoshi, poi il fratello maggiore Katsuhiro "Yama" Watanabe, il padre gigante, la madre simpaticissima e Nori-chan! Ho mangiato veramente benissimo! Grazie mille!

Poi immancabile visita alla camera di Noriko con visione di album scolastici vecchi! Cose incredibili, vediamo se trovate Noriko in questa foto! Ho fotografato tutto! Domani sempre Toyama, si va a mangiare nel ristorante di Soba della famigia di Kahori, dove fanno la soba a mano! A presto!

Labels:

5 Comments:

  • At 16:07, Blogger davide said…

    Trovata!
    gruppo di sinistra, seconda in basso da destra

    Spettacolo il fratello yama e la casetta The Grudge

     
  • At 16:16, Blogger Weltall said…

    Bellissimo l'aereo stile Pokemon!!! Per non perlare della strepitosa foto fatta in volo!
    La casa sembra veramente "Ju-on"...chissà se hanno qualche porta sigillata con il nastro adesivo rosso...
    Comunque, splendido Yama!!! al momento è lui l migliore!
    Nori-chan è la sesta nella fila in basso partendo da sinistra...oppure il terzo, fila centrale partendo da sinistra...sono un po' confuso!!!

     
  • At 19:25, Anonymous fffffffla said…

    hihihihihihi

     
  • At 07:58, Blogger Vale said…

    è la seconda in basso del foglio a sx dartendo da dx a contare!!!

     
  • At 12:39, Blogger Walker Elmas Ranger said…

    bravo matteo, hai indovinato! Il terzo fila centrale partendo da sinistra!

     

Post a Comment

<< Home