Thinking shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!: Scrivere sull'acqua...

shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!

イタリア人 > 男性> 三十歳 > 日本語の学生 > 空港のセキュリティーの仕事 > 飛行機の操縦士 > 空想家 > 日本映画の大ファン > その他 Italiano >Maschio >Bianco >30 anni >studente di giapponese >addetto alla sicurezza aeroportuale >pilota di aerei >sognatore >appassionato di cinema giapponese >continuerei ma non c'è spazio >sono alla continua ricerca di qualcosa che non trovo<

Thursday, April 19, 2007

Scrivere sull'acqua...

Sembrerebbe un'impresa impossibile, a causa della fluidità stessa del fluido, ma i ricercatori dell'università di Akishima, vicino Tokyo, hanno trovato la soluzione all'annoso problema: Piazzare dei generatori di micro-onde in un cerchio del diametro di circa un metro e mezzo, collegarli ad un calcolatore che impartisca degli ordini ed il gioco è fatto. Il difficile sta nel calcolare un algoritmo adatto perchè gli impulsi si trasformino in una reale ma estremamente effimera scultira d'acqua, che dura pochi decimi di secondo. Secondo il prof. Shigeru Naito, inventore della macchina, è solo un primo passo di un interessante processo evolutivo del mezzo comunicativo. Le applicazioni nel campo pratico sono obbiettivamente inesistenti, l'invenzione è completamente inutile se non per uno scopo scenografico, e irrealizzabile se non in specchi d'acqua completamente calmi. Sono pazzi questi Giapponesi!

5 Comments:

  • At 08:16, Blogger Weltall said…

    Con tutti i problemi che ci sono al mondo ^________*

     
  • At 10:10, Anonymous stefy said…

    I Giapponesi...Se non ci fossero, bisognerebbe inventarli. :-)

     
  • At 13:30, Anonymous dreca said…

    pensa che queste scritture effimere hanno da sempre affascinato l'uomo (nell'antichità si scriveva sulla sabbia battuta dal vento) e hanno molto a che vedere con la scrittura come forma di pensiero...quindi un pensiero fluido andrebbe scritto nell'acqua...follia forse, ma interessante

     
  • At 16:56, Anonymous heraclitus said…

    S.P.Q.G., concordo, ma gli vogliamo bene anche per questo ;-)

     
  • At 23:54, Blogger Walker Elmas Ranger said…

    Si interessantissimo, molto singolare, in effetti anche l'arte in sè non ha alcuno scopo pratico se non quello di cercare di ricreare il bello e generare emozioni in chi ne usufruisce...

     

Post a Comment

<< Home