Thinking shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!: The prestige

shattered Nicola > 新しい翼をもった僕!

イタリア人 > 男性> 三十歳 > 日本語の学生 > 空港のセキュリティーの仕事 > 飛行機の操縦士 > 空想家 > 日本映画の大ファン > その他 Italiano >Maschio >Bianco >30 anni >studente di giapponese >addetto alla sicurezza aeroportuale >pilota di aerei >sognatore >appassionato di cinema giapponese >continuerei ma non c'è spazio >sono alla continua ricerca di qualcosa che non trovo<

Tuesday, May 08, 2007

The prestige

Sono rimasto veramente soddisfatto da questa visione, grazie al nostro mentore cinematografico Weltall che mi fa scoprire film dei quali non sospettavo neanche l'esistenza. Privo di qualsiasi conoscenza a riguardo sia del cast che della trama mi sono avvicinato alla visione solo con un indizio: parla di illusionisti. Siamo alla fine dell'ottocento a Londra. Una compagnia di illusionisti mette in scena trucchi e trucchetti, con la gioia del pubblico e ala noia degli illusionisti stessi. Robert Angier e Alfred Borden fanno la parte del pubblico occasionale e siedono nella platea, per salire sul palco quando chiamati per impersonare qualche spettatore imbranato che aiuti l'illusionista nello spettacolo. La moglie di Robert viene legata ai polsi e alle caviglie, e immersa in una vasca piena d'acqua e chiusa da un lucchetto dalla quale fuoriesce miracolosamente. La noia porta Alfred, l'altro, a provare un nuovo nodo che il loro capo, Cutter, ritiene non sicuro. Il giovane con il tacito permesso della donna prova il nuovo nodo, ma le cose non vanno per il verso giusto e la donna muore in scena. Il fatto scioglie la compagnia e l'ormai vedovo Robert e Alfred prendono strade diverse. Robert è accecato dalla rabbia e trama vendetta nei confronti di Alfred che mette su famiglia e porta avanti con discreto successo la sua carriera, che sembra esplodere quando porta in scena un trucco incredibilmente sofisticato e all'apparenza tecnicamente impossibile da mettere in pratica: Il Trasporto Umano. Tra terribili dispetti e schermaglie a distanza i due si affrontano in una piccola battaglia personale che porterà le loro vite pian piano a consumarsi investendo anche chi sta intorno a loro. Robert si consumerà cercando il segreto del Trasporto Umano e andrà oltre trovando qualcosa di terribile sulla sua strada, che va oltre l'illusione e la magia. Parte dalla fine questo film, svelandosi a poco a poco nella sua complessissima trama. Sono rimasto incollato alla sedia stravolto da incredibili colpi di scena e solo quando lo schermo è diventato nero e ho letto: directed by Christopher Nolan ho capito tutto. Di Nolan ho visto solo Memento, un bellissimo film che "va al contrario": parte dalla fine per svelare il suo principio, una formula incredibilmente complessa ed innovativa. Questo film non è da meno, e pur non essendo extraterrestre come Memento stupisce ad ogni passaggio, passando dall'anonimo filmetto in costume dei primi minuti ad una storia avvincente ed intrigante, degna del miglior scrittore. Tratta delle peggiori attitudini umane, la vendetta, l'odio, la gelosia, che distruggono chi le prova e chiunque gli stia attorno come malattie contagiose. Scarlett Johannson nel ruolo di un'assistente di scena è bravissima e radiosa, Hugh Jackman dimostra nei panni di Robert di poter fare altro oltre a Wolverine degli X-men; Di Michael Caine nel ruolo di Cutter non c'è nulla da dire oltre agli scontati complimenti, e si rivede con piacere Andy Serkis, l'interprete di Gollum nella trilogia dell'Anello di Peter Jackson. Il mio spirito osservativo dev'essere pessimo visto che non mi sono accorto che David Bowie interpretava lo scienziato Nikola Tesla (padre della corrente alternata, sconosciuto se non per l'unità di misura elettrica che prende il suo cognome eppure importantissimo inventore dell'ottocento). Consigliatissimo, intrigante, mai noioso, piace a che vuole il lieto fine, piace a chi vuole la fine tragica! (se volete sapere il perchè guardate il film!)

5 Comments:

  • At 17:59, Blogger Weltall said…

    Nick, sempre lieto di proporvi film di questo calibro. Ed ora un piccolo spoiler:

    SPOILER

    Quando Angier chiede disperato a Borden quale nodo ha fatto alla moglie, lui risponde "Non lo so" e probabilmente non mente. Niente di strano che fosse il fratello sul palco al momento.

     
  • At 23:40, Blogger nicolacassa said…

    Diavolo di un cugino mi dai spunti di riflessione incredibili!!

     
  • At 11:14, Anonymous Miky said…

    come ho scritto nel blog di Weltall
    il film è geniale e quando andai a vederlo al cinema rimasi totalmente ammaliata dalla storia, dalla fotografia e dai personaggi.
    lo straconsiglio sempre quando mi chiedono che film vedere :P
    bacii

     
  • At 18:33, Blogger nicolacassa said…

    >Miky> Grazie per essere passata! Sono veramente contento di avere visto questo film!

     
  • At 20:18, Anonymous Vale said…

    Tutti me ne hanno parlato veramente bene di questo film...è li sul mio pc che aspetta di essere visto, purtroppo nn ho trovato ancora una sera per vederlo :(!!
    un bacione

     

Post a Comment

<< Home